Jefferson Hayman

Jefferson Hayman ha sviluppato fin dalla sua formazione una sensibilità visiva personale. Le sue fotografie catturano le immagini con una grande delicatezza nei toni, rifacendosi alla più grande tradizione dell’arte grafica. Hayman ha iniziato a fotografare gli edifici di New York per poterli poi disegnare ma ad affascinarlo era l’aria delle città, quell’aria che rimaneva impressa sulla pellicola ma non pervadeva il disegno. Lasciò così carta e matita per dedicarsi alla fotografia.
Fin da subito la scelta è stata per il bianco e nero. In un mondo di colori pop e tinte pulp, le sue fotografie sembrano uscire da un’altra epoca. Racchiudono intrinsecamente un sentimento nostalgico, una calma classica. JEFFERSON HAYMAN:
A quiet occasion
25 ottobre - 23 novembre 2012

Jefferson Hayman utilizza tecniche di stampa tradizionali: carte salate, stampe al platino, cianotipi e gelatine ai sali d’argento. Questi antichi processi danno alle sue fotografie una patina storica, un sapore antico che pone lo spettatore di fronte a un ossimoro visivo: immagini della quotidianità contemporanea trattate come se fossero immagini del secolo scorso, una sorta di macchina del tempo che conduce in una dimensione fuori dal tempo.
Ogni opera è evocativamente presentata in cornici antiche, realizzate dall’artista stesso o da mastri artigiani che ne completano il sapore.
La cornice è vista da Hayman come un vestito per la fotografia, tra le due deve esserci armonia. E qui si torna al concetto di classico: per Hayman l’intento è di creare bellezza, intesa come armonia tra le parti.
Tra fotografia e cornice si crea un unicum indissolubile.
Tutte le fotografie hanno piccole edizioni limitate ognuna però con caratteristiche e misure diverse che rende così ogni esemplare unico e originale.
Le fotografie ritraggono vedute di New York City, nature morte che spaziano dagli oggetti di uso quotidiano a teschi, marine e ritratti: rappresentano un diario visivo della sua quotidianità.
L’interesse nei suoi scatti è rivolto sia a ciò che è presente, sia a ciò che è assente, come a ricordarci che la realtà è un di più. Va oltre. In un mondo di calma fuori dal tempo.

Download Bio   |    Photo gallery

Jefferson Hayman

RBcontemporary, Jefferson Hayman: A quiet occasion, October 25th - November 23rd 2012

Jefferson Hayman is an artist that works within the themes of nostalgia, common symbols and memory.
He lives and works in Tappan, NY a small town located minutes outside of Manhattan and filled with the history of the American War of Independence.
JEFFERSON HAYMAN:
a quiet occasion.
October 25th - November 23rd 2012
From his training and environment Hayman has forged an individual visual sensibility.
The photographs themselves are handcrafted silver gelatin & platinum prints that seem historically timeless, captured with a delicacy of tonality that harks back to the highest traditions of graphic art.
The works are then paired with antique or artist made frames which place each piece into the realm of unique statements.
His work can be found in many private and public collections, most notably The Museum of Modern Art, The New York Public Library, The Boston Athenaeum; Bill Clinton, Robert DeNiro, Ralph Lauren, Sir Elton Jhon, Whoopi Goldberg and many others.

Download Bio   |    Photo gallery